Subwoofer


Il subwoofer completa l'emissione dei suoni di gamma bassa restituendo naturalezza alla riproduzione audio, ma attenti a non esagerare!

Il sub-woofer o altoparlante per le frequenze ultrabasse può essere installato in vari modi, vediamo quali: Subwoofer Pioneer TS-WX205

  • Una soluzione ottimale, per minor ingombro ma di difficoltosa messa in opera e taratura che, fra le altre difficoltà, esige la scelta dell'altoparlante "giusto", è sistemare il subwoofer sfruttando lo spazio residuo del fondo baule, dove è posta la ruota di scorta. Sia chiaro, la soluzione non comporta la rimozione della ruota di scorta, piuttosto ne sfrutta la cavità per accogliere cestello e magnete dell'altoparlante. Il risultato, nella norma, da un punto d'ascolto prettamente uditivo lascia a desiderare, però offre il vantaggio di poter meglio trasmettere, in forma di vibrazioni, quelle frequenze (20-60 hz) veramente ultrabasse. L'argomento necessita di approfondimento, per questo ho inserito la pagina  sub di scorta

E' possibile scaricare BassPC 3.0 Software di simulazione della risposta acustica in campo vicino. Programma utile alla progettazione assistita di casse reflex, push-pull, a carico simmetrico o sospensione pneumatica anche per subwoofer. Per il calcolo delle misure della cassa acustica fare riferimento alla pagina Misure box.

  • Subwoofer montato in cassa chiusa, otterrete una maggiore tenuta in potenza ma una minore efficienza, se sceglierete l'altoparlante adatto avrete un basso veloce e preciso, soprattutto ad alto volume d'ascolto.
  • Subwoofer realizzato in cassa reflex, avrete una maggiore pressione acustica, anche a volume d'ascolto non elevato, precisione e tenuta in potenza dipenderanno dalla qualità dell'altoparlante scelto e dall'accuratezza della costruzione e progetto della cassa. Acquistare una cassa reflex "vuota" per installarvi il nostro altoparlante preferito, non è un modo di procedere che porta ad un risultato garantito.
  • Due altoparlanti in push-pull montati in cassa reflex, con questa configurazione si possono ridurre notevolmente le dimensioni della cassa del subwoofer, anche perché è possibile usare altoparlanti di minore diametro. Il basso risultante vi darà una sensazione di notevole estensione ma con un contenuto dinamico modesto, in altre parole, i superbassi si faranno sentire solo quando sono realmente tali. Consigliato per auto piccole che di conseguenza hanno un piccolo baule.
  • Due altoparlanti push-pull o uno singolo montati in cassa a carico simmetrico, in questa configurazione l'aria mossa dagli altoparlanti, collocati all'interno della cassa, fuoriesce solo dal condotto di accordo della cassa stessa. Senza dubbio questo tipo di soluzione è quella che meno viene influenzata da fattori esterni, il basso risultante non sarà mai invadente e sempre "pulito" ma avrà una modesta pressione acustica, consigliato per le soluzioni che puntano alla qualità della riproduzione musicale. 
  • Sub woofer installato a schienale o sotto la cappelliera, in questo caso, quando acquisteremo l'auto dovremo scegliere quella adatta al nostro scopo. Infatti, il baule sarà il carico acustico del nostro sub-woofer. Il basso risultante dipenderà da diversi fattori che elencare sarebbe tedioso, il mio consiglio è questo: curate bene l'accoppiamento meccanico dell'altoparlante, scegliete un taglio di frequenza molto basso (40-50 hz), usate spugna phono assorbente per le superfici metalliche scoperte e sotto la cappelliera; destinate al pilotaggio del sub-woofer un amplificatore di elevata potenza, anche se non la sfrutterete per intero. Naturalmente l'altoparlante potrà essere uno singolo di generoso diametro o più altoparlanti di minore diametro.





comments powered by Disqus